Forex Broker: estorsioni e truffe

È successo anche a voi di ricevere telefonate di venditori che cercano di convincervi a versare ingenti somme su broker online? Ci siete cascati, perdendo tutti i vostri risparmi?

È ora di porre fine a queste pratiche: le autorità dovrebbero togliere la licenza a tutti i broker che se ne servono, nonché proibire
1) la classificazione di clienti retail come clienti professionali, in quanto pratica tesa ad eludere una norma istituita per proteggere i piccoli investitori
2) il marketing telefonico da parte dei forex broker, in quanto esso arriva a configurare il reato di estorsione.

Sappiate che potete sporgere denuncia per estorsione o truffa (o tentata estorsione o entrambe). Le telefonate in cui vi mettono sotto pressione, costringendovi a sborsare tutti i risparmi, configurano il reato di estorsione.

La denuncia ha un vantaggio: se verrà aperto un procedimento penale, sarà più facile richiedere un richiamo del bonifico o un chargeback alla vostra banca.

Fate la denuncia per iscritto: se vi recate alla polizia, vi troverete di fronte ad agenti che non comprendono la materia e vogliono sbarazzarsi di voi. Fate la denuncia contro IGNOTI (non contro una società) e possibilmente contro il venditore che vi ha telefonato. Lui è complice e probabilmente risiede in Italia. Se non conoscete i suoi dati, riportate nella denuncia tutti i dati utili a rintracciarlo (per es. il numero di telefono).

Potete anche giocare a prendere in giro i venditori: cercate di guadagnarvi la loro fiducia, promettendo un versamento ingente (che non farete), e gli occhi di questi morti di fame brilleranno con il segno del dollaro. Allora vi diranno come si chiamano e dove abitano. Bene. Sporgete denuncia per tentata estorsione.

Non credete che i venditori non abbiano colpa. Sanno benissimo che vi stanno truffando. Fra di essi vige una mentalità del “molti soldi subito”, in cui chi si fa fregare è stupido e se lo merita. Questi signori non hanno alcuno scrupolo a mandare la gente in rovina. Secondo me sono morti di fame che dovrebbero cercarsi un lavoro serio

Farete bene anche ad avvisare alti investitori, postando le vostre lamentele sui social (Facebook, Twitter, Instagram). Ci sono broker che a causa di lamentele sui social sono andati in fallimento.

Occorre superare un’ottica individualista, secondo la quale i reclami, le denunce e i resoconti sui social non servono a recuperare il denaro perduto. Innanzitutto non è vero: i broker vengono a patti con gli investitori che danno troppo fastidio. E poi è una questione di solidarietà nei confronti delle potenziali vittime.

Per consigli, iniziative e simili ho fondato un gruppo su Facebook, al quale potete aderire: Forex Broker: estorsioni e truffe