8 Apr

L’Europa vieta le Opzioni Binarie e limita pesantemente il forex

I broker forex e opzioni binarie si rivolgono alla clientela italiana con un marketing molto aggressivo.

Con la promessa di guadagni esorbitanti, esperti venditori (che telefonano da call center spesso situati offshore) cercano di convincere piccoli investitori a depositare cifre ingenti.

Spesso questi broker si servono di sottili tattiche di manipolazione psicologica, per indurre i clienti a versare tutto quello che hanno, e persino a farsi fare prestiti da amici e parenti. Ci cascano anche persone istruite ed esperte dei mercati.

Secondo uno studio dell’ente di supervisione francese AMF, i broker di opzioni binarie hanno sottratto ben 4 miliardi a piccoli investitori francesi.

La maggior pare dei clienti, dopo aver depositato, perde tutto il capitale, in parte perché le probabilitá di vincita sono poche, in parte perché i broker manipolano la piattaforma di trading. E i pochi che riescono a fare profitti hanno grandi difficoltà a prelevare il denaro che gli spetta.

Le Opzioni Binarie sono regolamentate come strumenti finanziari soltanto a Cipro. E da Cipro i broker partono alla conquista di piccoli investitori in tutta Europa.

A causa delle molte lamentele ricevute,  l’autoritá di supervisione europea ESMA ha deciso di bandire questo tipo di prodotto da tutta Europa.
Si ricordi che la ESMA aveva posto un ultimatum all’ente di supervisione cipriota CySEC, e che  l’ultimatum era già scaduto. In occasione della iFxExpo 2017,  la presidente della CySEC aveva pubblicamente annunciato che Cipro stava per vietare le opzioni binarie.

Purtroppo a queste parole non sono seguiti fatti. È per questo che la ESMA è intervenuta, con un annuncio pubblico del 28 marzo 2018.
Il diviento delle opzioni binarie è un annuncio destinato a scuotere l’intero settore dei broker di Cipro.
Oltre a bandire le opzioni binarie, la ESMA ha introdotto importanti restrizioni alla negoziazione di Forex e CFD per i piccoli investitori.
Le restrizioni consistono principalmente in un abbassamento radicale della leva (a 30:1 per le valute maggiori, mentre per le criptovalute sarà possibile soltanto una leva di 2:1) e nell’obbligo di protezione dal saldo negativo. Inoltre i broker saranno costretti a pubblicare quale percentuale di clienti riesce a fare profitti.
Il divieto delle opzioni binarie entrerà in vigore dopo 1 mese dalla pubblicazione sulla gazzetta ufficiale, mentre le restrizioni sul forex entreranno in vigore due mesi dopo.
Qui il comunicato ufficiale della ESMA in italiano.
Please follow and like us: